Perugia - panorama

Perugia

Perugia, capoluogo dell’Umbria, in passato ha rappresentato un punto nevralgico di passaggio dell’Italia centrale, ideale raccordo tra Firenze e Roma. Perugino, Pinturicchio, Raffaello, Vassillacchi, tanti artisti sono cresciuti a Perugia e hanno prodotto lì parte delle loro opere migliori con l’obiettivo di arrivare alla corte dei papi. Oggi la città è famosa per manifestazioni a carattere internazionale come Eurochocolate e Umbria Jazz.

Articoli inerenti Perugia

Mussolini: “Per mio ordine fate cambiare la targa di Perugia in PG”

Mussolini: “Per mio ordine fate cambiare la targa di Perugia in PG”

Sono passati ormai anni da quando le sigle delle province comparivano all’inizio delle targhe automobilistiche. Alcuni le ricordano ancora con affetto, quali simbolo d’appartenenza, e le preferirebbero di gran lunga rispetto alle anonime targhe moderne. Non molti però sanno che la nostra targa (Perugia) non è sempre stata PG ma, fino alla metà degli anni ’30, era PU. Ufficialmente non...

I Templari in Umbria, quanto c’è ancora da scoprire?

I Templari in Umbria, quanto c’è ancora da scoprire?

Due importanti precettorie, un frate assisiate al loro comando, poi sui Cavalieri Templari dell’Umbria cala un misterioso silenzio. In Umbria, come in tutto il resto d’Europa, i Cavalieri Templari si dissolsero in un soffio di vento. In quella tragica notte di venerdì 13 ottobre 1307 fu decretata la prematura fine dell’Ordine, alimentando un’enorme quantità di miti e leggende. A diff...

Bartoccio …e così nacque la satira

Bartoccio …e così nacque la satira

Il Bartoccio, maschera seicentesca del carnevale perugino, strumento per sottili invettive contro i potenti dell’epoca. Come nacque la satira moderna? Strano ma vero: a Roma, grazie ad una statua di un guerriero greco del III secolo a.C.(Pasquino) danneggiata nel volto, mutilata negli arti ma non certo nella lingua; e a Perugia per mezzo di un contadino benestante(Bartoccio), con un corpetto...

Il Santo Anello: L’incarico, il furto, la diplomazia

Il Santo Anello: L’incarico, il furto, la diplomazia

Potrebbe essere questa la storia dell’arrivo a Perugia dell’anello nuziale della Vergine? E’ la fine di luglio del 1473, un fraticello di nome Vinterio, originario di Magonza ma da tempo residente nel convento di San Francesco di Chiusi, si sta dirigendo verso Perugia per consegnare il prezioso carico che trasporta. Nella sua borsa cela un inestimabile tesoro, un gioiello in quarzo calcedoni...

Il Santo Anello: è possibile riscrivere una pagina di storia perugina?

Il Santo Anello: è possibile riscrivere una pagina di storia perugina?

Dopo una vita di ricerche, Stefano Bistarini, arcifilaleta della seicentesca Accademia dei Filaleti di Chiusi, afferma di conoscere la vera storia della santa reliquia.Anno 1473, conosciamo i protagonisti della vicenda che vogliamo raccontare: Chiusi: città storicamente ghibellina. A causa della vicinanza con Roma si trova continuamente isolata e facile preda degli “appetiti” dei vicini com...

Il Santo Anello: la vendetta, la nebbia, il processo

Il Santo Anello: la vendetta, la nebbia, il processo

Raccontiamo la storia che ha portato il Sacro Anello nuziale della Vergine nella città di Perugia, e…E’ la fine di luglio del 1473, un fraticello di nome Vinterio, originario di Magonza, ma da tempo residente nel convento di San Francesco di Chiusi, si sta dirigendo verso la Porziuncola di Santa Maria degli Angeli d’Assisi per la solenne ricorrenza del Perdono. Nella borsa che pende al su...

L’innocente colpevolezza di Porzia Corradi

L’innocente colpevolezza di Porzia Corradi

Perugia, anno domini 1600: una donna, la sua gran voglia di vivere e il triste destino che l’attende. “Padre, Dio mi perdoni perché ho peccato! Quella serena notte mi è rimasta terribilmente indelebile nella mente, a rimarcare la mia orrenda colpa. L’aria era tiepida, quasi primaverile, ed io ero, come spesso mi accedeva, sola nelle mie stanze. Mio marito Dionisio, della nobile famiglia de...

La “Signoria” dei Baglioni inizia e finisce con Cannara

La “Signoria” dei Baglioni inizia e finisce con Cannara

Una dettagliata indagine archivistica dimostra come la nobile famiglia Baglioni, che governò Perugia nel Rinascimento, ebbe importanti legami con la piccola città umbra di Cannara. Cannara ha una notorietà che oltrepassa i confini regionali grazie al suo prodotto principe: la cipolla, indiscutibilmente, una delle eccellenze enogastronomiche dell’Umbria. Quello che meno si conosce della città...

I Baglioni e la morte di Grifonetto raccontati dal pennello di Raffaello

I Baglioni e la morte di Grifonetto raccontati dal pennello di Raffaello

La Pala Baglioni (1507) un dipinto smembrato di Raffaello Sanzio. Nella parte centrale, denominata: La Deposizione Borghese, si cela la storia della Signoria Perugina.Se mi chiedessero qual è il dipinto più importante della storia moderna di Perugia io risponderei sicuramente “La Deposizione Baglioni” di Raffaello, ricordando mestamente che non siamo noi a conservarne l’originale. Nel se...

Un “demone” si nasconde nella Basilica di San Pietro

Un “demone” si nasconde nella Basilica di San Pietro

Nel Cinquecento un famoso artista, detto “l’Aliense”, viene chiamato a Perugia per dipingere “Il Trionfo dell’Ordine Benedettino” “Vassilacchi, chi era costui?”, questa è la domanda da Don Abbondio del XXI sec. che alcuni si saranno fatti dopo la recente scoperta di un volto demoniaco nascosto in un quadro di una chiesa di Perugia. Sì, avete capito bene, ancora diavoli. Ci ri...

Trionfo dell’Ordine Benedettino – Il quadro dimenticato

Trionfo dell’Ordine Benedettino – Il quadro dimenticato

Ma come ho fatto a perderlo? Il primo periodo in cui io e mia moglie avevamo il nostro Bed and Breakfast ci accadeva spesso che i nostri ospiti smarrissero o dimenticassero la chiave della stanza, essendo essa di piccole dimensioni. In quel caso il problema si risolse comprando dei portachiavi molto grandi e ingombranti, impossibili da non vedere. Ciò naturalmente vale per le chiavi ma, ho scoper...

Turista ad Armenzano – 4. Un matrimonio da non perdere

Turista ad Armenzano – 4. Un matrimonio da non perdere

Da alcuni anni si tende ad usare con maggior frequenza termini che derivano dall’inglese, con lo scopo di rendere più accattivante l’argomento di cui si parla. Dobbiamo ammettere ad esempio che «Bed and Breakfast» in italiano suonerebbe «Letto e Colazione», sicuramente più comprensibile ma, chiacchierando con un amico, non ci sogneremmo mai di dire: “Sai, lo scorso fine settimana sono ...